Se la crisi economica ha decretato la fine precoce dell’ultimo governo Berlusconi, gli scandali sessuali ne hanno marchiato indelebilmente gli ultimi mesi. La sessualità è diventata un campo di battaglia, fra difensori di un libertinismo di comodo ed eccessi puritani. Nel mezzo gli italiani.

Questa settimana lo scrittore Aldo Nove racconterà la trasformazione del desiderio degli italiani. La televisione degli anni Ottanta, Cicciolina in Parlamento e i recenti scandali hanno creato un’inflazione del desiderio e minato il desiderio degli italiani? O i maschi italiani torneranno liberamente a fischiare al sedere delle ragazze?

E poi si può dire che quel sedere è bello? Il concetto di bello è strettamente legato all’erotismo, come ci mostrerà la filosofa Nicla Vassallo offrendo un excursus sul legame tra bellezza e successo. È vero che “i belli” guadagnano di più e ottengono maggiori risultati sociali? Ed è giusto? Forse, al di là delle statistiche, la filosofia può dare qualche risposta. Inoltre Camilla Tagliabue racconta, attraverso tre libri, come si è trasformata la sessualità femminile.

Si avvicina il Natale e il momento in cui tutti offrono i loro suggerimenti per i libri da regalare. La redazione di Saturno e i suoi collaboratori di punta hanno stilato una loro personale selezione: per un Natale di crisi, una scelta di libri low cost: tutti sotto i 20 euro.

E poi, come tutte le settimane, le pagine multimediali di Saturno 2.0 e le rubriche di Marco Filoni, Tiziano Scarpa, Alessandro Bergonzoni e Gianni Canova.

E infine, chi pungerà la Vespa di Riccardo Chiaberge?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xeni Jardin e gli empatici digitali

prev
Articolo Successivo

Cosa resterà del 2011 (in America)

next