Da “Partite & partiti”. A soli 57 anni se ne va Socrates, stella del Brasile passata da Firenze. I giocatori del Corinthians l’hanno ricordato in campo col pugno destro in alto. Socrates esultava così dopo un goal. I Viola si sono limitati ad una fascia nera al braccia. Se i giocatori avessero alzato il pugno chiuso, immaginate il pandemonio mediatico. Socrates infatti era di sinistra e non lo nascondeva. Non si fidava dei giornalisti, dava dichiarazioni solo in diretta. Da allora il calcio è cresciuto come business, non è detto che sia un bene. Intanto prosegue la crisi della Roma e la marcia della Juve non si ferma. Milan e Udinese non mollano, il Napoli guarda soprattutto al Champions League.
Di Oliviero Beha

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, per uno ‘Stato senza mafia’

next
Articolo Successivo

Berlusconi: “Le misure di Monti? Le avremmo fatte anche noi”

next