Una festa e non una commemorazione. Era l’aria che si respirava ieri sera a Roma, quartiere Rione Monti, durante la fiaccolata organizzata in onore del regista toscano Mario Monicelli, scomparso un anno fa, il 29 novembre del 2010. “Monicelli è stato un uomo del popolo, la gente non si riconosceva solo nei suoi film, ma anche in lui come persona”, ricorda un ragazzo. “Era piacevole incontrarlo, ma sopratutto ascoltarlo perché non diceva mai banalità” gli fa eco un abitante del quartiere, dirimpettaio di Monicelli in Via dei Serpenti. A ricordare il Maestro c’erano anche il Teatro Valle occupato, la moglie Chiara Rapaccini, amici e colleghi. “Nonostante il parere dell’onorevole Binetti noi siamo qui a festeggiarlo, e a Mario questo sarebbe piaciuto” afferma la Rapaccini. A coronare la festa, la targa realizzata dal Teatro Valle con su scritto “Piazza Mario Monicelli, muoiono solo gli stronzi” che da ieri sera campeggia sulla piazzetta romana.
di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Norma antizoom, la Casta impone regole e sanzioni ai fotografi

next
Articolo Successivo

Tommasi: “Calciatori gay? Meglio non dirlo”

next