In strada davanti Palazzo Giustiniani, tra cronisti, turisti, passanti, spicca Mauro Fortini denominato dalla stampa romana da anni: “Il disturbatore che non disturba”. Fortini ha anche una sua pagina fan su Fb nelle vesti di suggeritore di “interventi economici” (Mah). Trascorre le giornate fuori dai palazzi della politica, vuole stabilire il record di comparsate tv e battere così il famigerato Paolini. E’ divenuto nel tempo un informatore per cronisti, operatori tv e fotografi. Chiama tutti appena si crea un assembramento fuori da Montecitorio, Palazzo Grazioli o Palazzo Madama. Ma se prima si limitava a fingere di essere un giornalista e registrare le dichiarazioni con improbabili radioline (come nel nostro video) o cellulari ‘d’annata’ o su block notes dove non annotava nulla, ora Fortini ha fatto un passo avanti: fa le domande ai politici. Da giorni, infatti, è sotto Palazzo Giustiniani, luogo dove si stanno svolgendo le consultazioni tra i partiti politici e Mario Monti e pone sempre il solito interrogativo: “Onorevole reintrodurrete l’Ici per la Chiesa?” anche stamattina ad uno sbigottito Monti. Ad un sorpreso Nucara (deputato del Pri) invece che lo apostrofa: “Lei sa chi sono io?” lui risponde: “Mo’ nun me lo ricordo chi è lei”.
Video di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beha: “Governo tecnico per Prandelli”

prev
Articolo Successivo

Marcegaglia: “Prendere i soldi a chi li ha”

next