“Prendere i soldi a chi li ha per far ripartire la crescita”. Le parole sono quelle di Emma Marcegalia, e valgono la disponibilità di Confindustria a discutere anche di patrimoniale. “Anche se non ci converrebbe”, precisa, “in questo momento bisogna prendere dai patrimoni per poter togliere le tasse a lavoratori e imprese”. Alla vigilia dell’incontro tra Mario Monti e le parti sociali, Emma Marcegalia lancia un segnale di responsabilità, anche sul tema del lavoro: “Non solo flessibilità in uscita. Siamo pronti a discutere di una riforma complessiva del mercato del lavoro”, spiega, “e quindi flessibilità in entrata e ammortizzatori sociali”. Nessun commento invece sugli attacchi che le ha rivolto parte del centro destra. Sabato Giuliano Ferrara l’aveva definita “il peggior presidente di Confindustria di tutti i tempi”, e oggi Mario Landolfi dell’Ufficio di Presidenza del Pdl l’ha accusata di “produrre ansiogene dichiarazioni in quantità torrenziale”. “Non commento questa roba”, ribatte Marcegaglia, “tengo solo al giudizio delle persone che stimo”. di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il disturbatore tv che non disturba

prev
Articolo Successivo

Anche la ‘ndrangheta ha la sua Cupola

next