Dopo l’incredibile successo della squadra di Santoro con la prima puntata di Servizio Pubblico, alcune cose sono chiare:

Che si può rompere il monopolio televisivo, grazie alla convergenza di tv nazionali, tv locali, Rete e Social Network.

– Che per farlo serve un progetto credibile affidato a professionisti che sappiano pianificarlo e realizzarlo. L’improvvisazione e il dilettantismo non pagano.

– Che in Italia c’è una gran sete di libera informazione, per questo i cittadini si fanno coinvolgere e apprezzano chi si impegna a portare avanti iniziative contro tutti i bavagli. Il successo di ieri è anche il successo di tutti i cittadini.

– Che, da ieri, una strada è stata segnata. Santoro&C. hanno fatto da apripista per chiunque abbia un buon progetto e voglia realizzarlo

– Che la Rai, se fosse stata dei cittadini, non avrebbe mai permesso che Annozero terminasse la sua programmazione e quindi: cari partiti e cari politici, fuori dalla Rai, prima che sia troppo tardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico parte bene, ma…

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico. “Licenziare la casta”
Riguardate la prima puntata integrale

next