Il tribunale di Milano ha condannato l’ex governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio, a 3 anni e 6 mesi nell’ambito del processo sulla mancata scalata a Bnl da parte di Unipol. Condannato anche Giovanni Consorte, ex presidente di Unipol. per lui la pena è di 3 anni e 10 mesi. Assolto, invece, l’ex capo della Vigilanza della Banca d’Italia, Francesco Frasca. Inoltre, i giudici hanno condannato Unipol a versare una provvisionale di 15 milioni di euro, oltre a una multa di 720 mila euro. Tra i condannati c’è anche l’immobiliarista-editore Francesco Gaetano Caltagirone, che oggi si trova ai vertici del Monte dei Paschi di Siena. Per lui tre anni e sei mesi. Stessa pena inflitta anche a Stefano Ricucci

Immediato il commento dell’ex governatore, che, attraverso il suo legale, ha definito “ingiustificata” la condanna. Una condanna “ingiustificata”. “Fazio – spiega l’avvocato – non si dà giustificazione di questa sentenza”. Per il legale inoltre l’assoluzione di Frasca “dimostra la correttezza della struttura di Bankitalia. C’erano documenti – aggiunge – che dimostravano la correttezza del suo operato”. I giudici di Milano hanno assolto tutti i banchieri tranne Emilio Gnutti (3 anni) e questo nonostante il pm avesse fatto richiesta di archiviazione. In particolare sono stati assolti Divo Gronchi (l’accusa aveva chiesto 3 anni), Filippo De Nicolais, Rafael Gil Alberdi, oltre a Giulio Grazioli (il pm aveva chiesto due anni), Giovanni Berneschi (l’accusa aveva chiesto 3 anni) e Giovanni Zonin (anche per lui l’accusa aveva chiesto 3 anni).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

P4, arresti domiciliari per Alfonso Papa
Torna in libertà Luigi Bisignani

prev
Articolo Successivo

Le tappe del processo Bnl-Unipol

next