La scuola come l’abbiamo sempre conosciuta è l’unica possibile? Le campanelle, i voti, le gite, lo stare seduti per ore e ore dietro un banco per dieci, quindici, vent’anni… Siamo proprio sicuri che sia il modo migliore per accompagnare nella loro crescita i nostri figli?

Ken Robinson, un innovatore del pensiero educativo, non la pensa così e riesce a riassumerne i motivi nell’affascinante filmato qui sotto. Con il linguaggio del fumetto evoca senza citarle esperienze alternative: da Rudolf Steiner, alla Maria Montessori fino all’educazione libertaria sono i casi sperimentati in cui è evidente che “un’altra scuola è possibile”.

E’ la direzione seguita anche da quelli di Slow Education che organizzano a partire dal 13 Novembre a Massalombarda (Ra) un percorso per genitori ed educatori che vogliono sperimentare modelli diversi di educazione per i loro figli.

Si tratta di un modello agli antipodi rispetto al funzionamento attuale della scuola, e per questo può alimentare la paura del non conosciuto, ma la verità è che neppure la scuola istituzionale di oggi sopravviverà al caos economico e sociale che stiamo vivendo. Anche se ciò può mettere in discussione le nostre certezze – e quindi spaventare – abbiamo bisogno di modelli nuovi. Nell’ambito dell’educazione abbiamo bisogno di uscire dal “pensiero unico” della scuola nata dall’illuminismo e poi diffusasi in tutta Europa.

Questi sono tempi in cui non ci sono soluzioni, ma solo percorsi da esplorare e  i modelli alternativi di educazione sono tra i più importanti. Perché i bambini oggi negli asili e nelle scuole avranno domani la responsabilità della sopravvivenza della nostra specie. Esattamente come noi, ora.

Informazioni: Slow Education

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La mafia legalizzata in Bulgaria

next
Articolo Successivo

Sia lode ora a donne di coraggio

next