Ad un mese dalla chiusura al traffico tra via Pessina e piazza Dante, e nel tratto di via Duomo, arrivano anche le telecamere che sorveglieranno i varchi delle due Ztl, non senza disappunto da parte degli abitanti. Non è la presenza dell’occhio meccanico, al posto di quello umano dei vigili, a preoccupare i cittadini quanto piuttosto le difficoltà nel dover osservare le nuove disposizioni. A chi viola la zona a traffico limitato spetterà il pagamento di 74 euro. I pareri della gente sono discordanti in base all’età, all’attività che si svolge e soprattutto alla disponibilità di fronte ad un cambiamento che viene imposto dall’Unione Europea e per il quale Napoli risulta essere in assoluto ritardo. Le tre nuove telecamere, che si aggiungono a quelle già in servizio su via Mezzocannone e sull’accesso a piazza del Gesù, sono costate al Comune 25mila euro e saranno in servizio h24 perché le corsie sono vietate anche di notte.  di Katiuscia Laneri

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beha, il campionato dei lumaconi

prev
Articolo Successivo

B. si autocelebra al Tg1

next