Per fermare i teppisti con casco e felpa nera non servono gli arresti preventivi, la sospensione dei diritti e delle libertà costituzionali, lo stato di polizia: sarebbe bastato che agli agenti della celere, spettatori immobili dei saccheggi di sabato pomeriggio (banche, supermercati, auto incendiate), fosse stato ordinato di intervenire. L’ordine non è arrivato e i saccheggi sono andati avanti.

Evocare la legge Reale, in questi casi, può servire a raccattare una manciata di voti a destra e a fare un pessimo servizio alla democrazia. Bisognerebbe chiederlo a Di Pietro quali di questi due obiettivi avesse quando ha proposto di tornare alle leggi liberticide degli anni di piombo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali 2010, la procura chiude le indagini: “926 firme false nelle liste Pdl e Formigoni

next
Articolo Successivo

Fondi pubblici e contatti al vertice
Tutti dicono sì al “consigliere” Lavitola

next