Per fermare i teppisti con casco e felpa nera non servono gli arresti preventivi, la sospensione dei diritti e delle libertà costituzionali, lo stato di polizia: sarebbe bastato che agli agenti della celere, spettatori immobili dei saccheggi di sabato pomeriggio (banche, supermercati, auto incendiate), fosse stato ordinato di intervenire. L’ordine non è arrivato e i saccheggi sono andati avanti.

Evocare la legge Reale, in questi casi, può servire a raccattare una manciata di voti a destra e a fare un pessimo servizio alla democrazia. Bisognerebbe chiederlo a Di Pietro quali di questi due obiettivi avesse quando ha proposto di tornare alle leggi liberticide degli anni di piombo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali 2010, la procura chiude le indagini: “926 firme false nelle liste Pdl e Formigoni

next
Articolo Successivo

Fondi pubblici e contatti al vertice
Tutti dicono sì al “consigliere” Lavitola

next