La cosa più impressionante guardando Maurizio Gasparri a tu per tu con gli Indignados di San Lorenzo a Roma durante l’ultima puntata di PiazzapulitaElio Germano in testa con la sua faccia impagabile da ragazzo – è l’abisso di incomunicabilità che li divide. Loro parlano, spiegano, rivendicano. Lui inforca gli occhiali e prende appunti. Risponderà, penso io guardandolo così preso. Ma quando gli restituisco la parola – Germano ha appena concluso il suo intervento citando i nostri figli e la paura di non poterli più aiutare – il presidente dei senatori del Pdl comincia a discettare di ribaltoni e mandati elettorali. Lui Elio Germano non lo ha né visto, né calcolato. Il suo orizzonte è tutto politico, di quella politica che è ormai suk, fanghiglia partitica, melina elettorale. I destinatari ultimi del telemessaggio di Gasparri sono i Pisacane, i Sardelli (eroico Sardelli, quanto pagherà il tradimento?) e il gorgo scajoliano. La piazza, i giovani, acerbi indignati romani che oggi scendono in strada sono fantasmi. Auguro a questi fantasmi di prendere corpo oggi a Roma, pacifici ma incazzati, decisi a farsi sentire dall’aula sempre più sorda dove i Gasparri sempre ritornano. Domani probabilmente basterebbe una legge elettorale appena decente, dove si possa esprimere una preferenza, per mandarli a casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, un giorno di guerriglia a San Giovanni Gli Indignati restano ostaggio della violenza

next
Articolo Successivo

Indignati in piazza, Roma blindata
Gli agenti: “Il corteo non deve deviare”

next