Due anni fa Time Magazine ha classificato Dambisa fra le 100 donne più influenti del mondo. Da noi non sappiamo neanche chi sia. Dambisa Moyo, nata in Zambia, laurea in Economia a Oxford e master a Harvard, alla Goldman Sachs è l’esperta di macroeconomie, madrina dell’Absolute Return for Kids, un fondo di beneficenza per l’infanzia abbandonata.

Il suo libro “Dead Aid” (tradotto: Aiuto Morto) sostiene la teoria del “Per favore non aiutateci più” (uno dei capitoli più accattivanti del libro). Negli States è diventato un best seller che piega – senza mezza termini – come l’aiuto dai paesi ricchi non abbia mai funzionato e propone un’altra maniera per aiutare il terzo mondo.

Negli ultimi 50 anni più di un trillione di dollari (non riesco neanche a calcolare quanti sono! nda) sono stati donati dall’Occidente all’Africa.

I beneficiati ne hanno tratto profitto? Assolutamente no.

Anzi le condizioni delle popolazioni, con malattie e mortalità infantile al primo posto, sono di gran lunga peggiorate. È da sfatare il mito che i miliardi di dollari versati dai paesi ricchi all’Africa abbiano ridotto la povertà e prodotto ricchezza in loco. Hanno soltanto creato un circolo vizioso di dipendenza: “Leaving them with nothing but the ‘need’ for more aid”. (Lasciandoli con niente se non con il bisogno di ricevere più aiuti).

Hanno, invece, lasciato un solco di corruzione, violenza e depauperamento delle materie prime, residuo della vecchia mentalità colonizzatrice.

Sono stati i “ricchi” a saccheggiare i “poveri”. Si sono – per così dire – salvati solo quei paesi che hanno rifiutato gli aiuti tradizionali e hanno faticosamente cercato la loro via di prosperità. Questi popoli hanno detto: “Non mandateci aiuti alimentari insegnateci piuttosto come si coltiva la terra. Non vogliamo la vostra elemosina, vogliamo il vostro know how”.

Il modello Angelina Jolie che, commossa, accarezza le testoline rapate e scheletriche dei bambini serve più come ritorno d’immagine a lei che non al continente africano.

Sharon Stone ha lanciato la sua linea di gioielli sempre nell’ambito di progetti Aiuti per l’Africa. La collezione è griffata Damiani, chi si è più lustrato l’immagine: il gioielliere, la Stone o i bambini africani con la fame negli occhi?

Chi gliela regala alla Stone una copia di Dead Aid?

Sempre della serie “Aiutiamoli”, gli Stati Uniti, nel bene e (soprattutto) nel male, fanno sempre parlare di sé, anche in materia di charity ai più disgraziati della terra. Ancora mi rimbalza in testa come un ping pong l’outing del Segretario di Stato francese alla Cooperazione, Alain Joyandet, in occasione del terremoto di Haiti, con il suo indice puntato contro gli Stati Uniti: “Si tratta di aiutare Haiti, non di occupare Haiti. Si tratta di fare in modo che Haiti possa riprendere una sua vita.”

Nota a margine.

Queste le cifre fornite da Epsilon, associazione Onlus, fortemente voluta da Claudio Stabon, Head of Investments della Cir.

40,3 milioni di persone nel mondo affette da Aids.

6 milioni quelle che muoiono per Aids, malaria e tubercolosi.

130 milioni i bambini nel mondo che non possono andare a scuola.

852 milioni che soffrono di fame e malnutrizione.

1200 bambini che muoiono ogni ora per malattie prevedibili (e curabili in qualsiasi altro angolo del pianeta).

Epsilon è una goccia di solidarietà, ma l’oceano è fatto di tante, tantissime gocce. Non lasciamolo prosciugare.

Foto e testo di Januaria Piromallo

Clicca qui per ingrandire la foto

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liverpool: la chiamata popolare di Ed Miliband

next
Articolo Successivo

Londra, la battaglia per la poltrona da sindaco si combatte nei vagoni della metro

next