La poltrona lasciata libera da Filippo Penati, indagato dalla procura di Monza nell’inchiesta su presunte tangenti, alla vicepresidenza del consiglio regionale ha trovato un nuovo padrone. Anzi, una padrona che fra l’altro è una penatiana Doc. Sara Valmaggi, eletta martedì 20 settembre con 27 voti a favore sconfiggendo Renzo “Il Trota” Bossi che ha raccolto solo una preferenza. La politica arriva da una lunga militanza prima con i Ds per poi aderire al Partito democratico, tappe di una carriera fatta all’ombra di Penati. E’ stata assessore a Sesto San Giovanni prima nella sua giunta e poi in quella capitanata da Giorgio Oldrini. Valmaggi è anche una figlia d’arte: sua madre è Nora Radice, plenipotenziaria che da un ventennio gestisce la raccolta fondi e l’organizzazione delle feste del partito a Milano. Non solo, Radice è stata referente e tesoriere per Penati sia durante le elezioni provinciali che per le regionali. E’ stata sentita dal pm titolare dell’inchiesta su Penati, come persona informata sui fatti in relazione all’associazione Fare Metropoli e al presunto finanziamento illecito: dai conti dei comitati elettorali partono infatti bonifici per oltre centomila euro diretti al conto corrente della Radice. Insomma al posto di Penati, il Pd mette una persona di sua fiducia. In nome della continuità ma alla faccia della trasparenza

di Davide Vecchi e Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Per colpa delle escort di B. aumenterà la benzina

prev
Articolo Successivo

Vi racconto Silvio nel bunker – Video

next