Nicole Minetti in via Montenapoleone a Milano

Le parole restano. E se sono scritte ancora di più. Sarà per questo che un gruppo di donne militanti del Pdl, capeggiate dall’assessore regionale veneto all’Istruzione Elena Donazzan, ha indossato oggi al convegno del partito a Cortina d’Ampezzo una maglietta bianca con la scritta “E’ una questione di stile…”. Una risposta alla t-shirt indossata dalla consigliera regionale lombarda, Nicole Minetti, qualche giorno fa durante un pomeriggio di shopping. La Minetti era stata fotografata mentre passeggiava per via Montenapoleone con una maglietta bianca su cui si leggeva: “Senza t-shirt sono ancora meglio”.

La Donazzan si è fatta fotografare insieme alla consigliera regionale del Veneto Isi Coppola e all’assessore al Lavoro della provincia di Vicenza Morena Martini in una sala attigua a quella in cui era in corso l’ultimo dei tre giorni del meeting del Pdl sul tema “Valori, visione e forma politica del popolo dei liberi e forti”, presenti anche il segretario Angelino Alfano e il ministro degli Esteri Franco Frattini. L’iniziativa, ha spiegato la Donazzan, serve a sottolineare che la gran parte delle donne del Pdl si dissocia da certi comportamenti. “Quell’atteggiamento fa male alla politica – ha detto l’assessore – io credo nella militanza, nella serietà e nella coerenza. La maglietta della Minetti lancia un messaggio negativo per le donne, ai figli. Credo che la politica debba migliorare la società”.

“E’ la risposta femminile – ha spiegato Morena Martini – alla provocazione della Minetti. Per come è stata eletta e per quello che continua a fare per andare sulle prime pagine dei giornali. Quindi a tutte le donne, militanti del Pdl, diciamo di continuare a crederci perchè il vero Pdl femminile è rappresentato da chi fa militanza e politica seria. Merito e militanza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anche due deputate del Pdl
organizzavano i festini di Berlusconi

next
Articolo Successivo

Ponza l’isola della corruzione, la telefonata
a Bonaiuti per far spostare un carabiniere

next