Alla fine il “massacro” è stato solo mediatico. Sì perché la Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio ha detto ‘no’ alla richiesta d’arresto dei pm di Napoli per Marco Milanese, l’ex braccio destro del ministro dell’Economia Giulio Tremonti sotto inchiesta per corruzione e altri reati. La votazione si è conclusa con 11 voti favorevoli alla proposta del relatore Fabio Gava (contrario all’arresto) e 10 contrari che sono venuti da Pd, Idv e Terzo polo.

Un voto largamente annunciato con la Lega che ieri aveva anticipato il suo ‘no’ in Giunta e libertà di coscienza il 22, quando la richiesta arriverà in Aula. A tale riguardo, se ieri il leader del Carroccio Umberto Bossi aveva detto “a me non piace fare arrestare la gente”, oggi commenta: “Devo sentire ancora il gruppo, ma i miei dicono che è un po’ una forzatura”. Il Carroccio, comunque, “sarà compatto”. E alla domanda sulla libertà di coscienza, il Senatùr risponde: “Dovremo decidere anche su quello. E’ possibile”.

Libertà di coscienza avranno anche i deputati dell’Udc. “E’ una scelta delicata, bisogna verificare se non sussista il fumus persecutionis – dice Pier Ferdinando Casini – è giusto quindi che si decida secondo coscienza”. L’Udc chiede poi che il voto in Aula del 22 settembre sia palese. Il commissario centrista in giunta per le autorizzazioni e responsabile riforme istituzionali del partito, Pierluigi Mantini, spiega: “Riteniamo che i gruppi debbano assumersi la responsabilità del voto davanti agli italiani”. Contro il voto segreto è anche il Pd: ”La politica deve riprendersi in mano le redini di questa deriva rischiosa, e prendersi la responsabilità di fronte a reati devastanti come la corruzione”, afferma al termine della riunione della giunta sul caso Milanese la capogruppo Pd, Marilena Samperi, sottolineando che “il voto segreto è previsto dal regolamento e se qualcuno lo chiederà sarà indispensabile darlo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ghedini, il professionista dei segreti

prev
Articolo Successivo

Danno biologico, una questione di bilancio

next