Nuovi guai giudiziari per Renato Soru. Il numero uno dell’Internet provider Tiscali ed ex governatore della Sardegna è finito sotto indagine dalla Procura di Cagliari dopo una serie di accertamenti della Guardia di Finanza che ipotizza alcuni mancati versamenti di imposte. La notizia dell’inchiesta per evasione fiscale, pubblicata dalla Nuova Sardegna, segue da vicino un’altra, sempre affidata al nucleo tributario delle Fiamme gialle, con un’ipotesi di aggiotaggio nei confronti del provider.

Sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori ci sarebbero alcune operazioni della società inglese Andalas Ldt, con cui Soru controlla parte di Tiscali, dopo la collocazione di alcune azioni sul mercato.

In una nota, il diretto interessato afferma “il proprio genuino convincimento sulla buona fede e sostanziale correttezza della propria condotta fiscale” precisando che ha fornito agli inquirenti tutto l’aiuto necessario “al fine di documentare la assoluta trasparenza e correttezza del proprio operato anche sotto il profilo tributario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Berlusconi deve farsi interrogare in fretta”. Il Procuratore Lepore chiede una nuova data

prev
Articolo Successivo

Inchiesta sulle ex aree Falck
Zunino si difende:Mai pagato tangenti

next