Il primo e più utile strumento per combattere le mafie, quello che da più fastidio a chi di mafia ci vive (e quindi quello più efficace) è l’informazione.

Informazione su ciò che le mafie quotidianamente fanno, informazione su come combattere i loro traffici illeciti, informazione su come prevenirli. Questo è lo scopo di eventi come Ole – Otranto Legality Experience: informare.

Organizzata da Flare Network e da Libera, Ole è da un lato una summer school per studenti di tutta Europa (dal 5 all’8 settembre), dall’altra un public forum aperto a tutti (dal 9 all’11 settembre) sul tema della legalità, della globalizzazione finanziaria e della giustizia sociale.

Sette giorni per insegnare, ai giovani e ai meno giovani, le nuove prospettive dei traffici mafiosi, che non si limitano più al solo controllo dei mercati locali, ma che sono tragicamente cresciute, allargandosi capillarmente e infiltrandosi nell’economia globalizzata. Un nuovo livello di illiceità, strutturato con la precisione e l’accortezza di organizzazioni sempre meno familistiche e sempre più affini alle logiche aziendali. Un nuovo livello di illegalità, che richiede nuove consapevolezze e nuovi strumenti per essere combattuto: proprio quegli strumenti che Ole, giunto alla seconda edizione, punta a costruire.

La globalizzazione finanziaria è diventata uno dei canali di maggiore penetrazione della criminalità organizzata – spiega Vittorio Agnoletto, curatore culturale di Ole -, perciò è fondamentale un forte controllo su questo nuovo piano d’azione da parte dell’Unione Europea e di tutti gli altri organismi transnazionali”.

A Otranto si parlerà anche e soprattutto di economia (il titolo dell’edizione 2011 è proprio “economia illegale, mafie e globalizzazione finanziaria”) sia nella summer school, sia nel forum aperto a tutt la cittadinanza, durante il quale prenderanno la parola ospiti illustri. Dal sociologo Maurizio Ambrosini all’economista Susan George, una delle massime esperte di problemi del terzo mondo e di economia sostenibile.

Uno dei momenti più attesi del forum di Ole 2011 è senza dubbio il dibattito fra Alessandro Profumo, ex amministratore delegato del gruppo Unicredit e Pedro Paez, ex ministro delle finanze dell’Equador: due esperti di tematiche di ambito economico che sicuramente hanno punti di vista molto differenti e per alcuni versi opposti sull’attuale situazione globale e sulle ricette contro la speculazione finanziaria.

Se anche voi avete una ricetta, una prospettiva, o semplicemente se avete voglia di combattere e di cambiare lo stato delle cose, la soluzione è una: partecipare.

Per tutte le informazioni sull’iscrizione alla summer school e la partecipazione al forum si può cosultare il sito internet www.ole2011.org.

di Valentina Dirindin
Per conoscere meglio il collettivo Strozzateci Tutti clicca qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

P4, per Papa otto ore di interrogatorio, avvocati chiedono scarcerazione

next
Articolo Successivo

Tangenti a Penati, spunta Bruno Binasco
Coinvolto in Mani Pulite

next