12 anni per iniziare, 21 per finire, in mezzo la bottiglia per annegare il successo: sul red carpet del conclusivo Harry Potter e i Doni della Morte – Parte II (da domani in 1000 sale), Emma Watson s’è lasciata sfuggire una lacrima, non Daniel Radcliffe. Soprattutto per lui, la fine del maghetto è l’inizio di una nuova vita, meno remunerativa, meno famosa, ma più autentica: per spezzare l’incantesimo, s’è messo a bere a 18 anni, a nudo sul palco di Equus, ma non è bastato.

Più che Harry Potter, Radcliffe è (stato) un Peter Pan suo malgrado. Compirà 22 anni tra 10 giorni, e finalmente non dovrà nasconderli: da Shirley Temple a Macaulay Culkin, le star bambine non ammettono crescita, perché gli anni fanno polvere di stelle. Quindi, abbasso le forme, per lei, e abbasso i peli, per lui, finché la morte non apra i propri doni: nell’epilogo, “19 anni dopo” Harry papà può sfoggiare un filo di barba.

Il rasoio nel cassetto, e un sogno tirato fuori: per dirla con Cetto La Qualunque, più pilu per Harry, più pilu per Daniel.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lettera a Luigi Meneghello sulla “cultura”

next
Articolo Successivo

Più uomini che donne:
la selezione innaturale

next