Il grido della farfalla, meeting dell'informazione liberaLa bassa romagnola non produce solo zanzare d’estate, ma anche appuntamenti preziosi. Come Il grido della farfalla, organizzato dal Gruppo dello Zuccherificio di Fusignano, un’associazione di cittadini che da tre anni mette in piedi una manifestazione di rilievo assoluto. I temi di quest’anno riguardano: le mafie in Emilia Romagna, l’informazione nel mondo e i contropoteri. Proprio quelli che vediamo all’opera ogni giorno anche in questi giorni: dalla P2 alla P4.

Si tratta di argomenti che di solito bisogna andarsi a cercare perché espulsi dai palinsesti dell’informazione ufficiale. Non c’è, infatti, l’interesse a farli conoscere, anzi, c’è interesse a farli sparire. Proprio per questo Il grido della farfalla è una manifestazione importante, che mette a disposizione del pubblico quei giornalisti e quei protagonisti che non stanno zitti. Tra i molti che parteciperanno anche Maso Notarianni della rivista di Emergency E, Anna Vinci, Loris Mazzetti, Giuliano Turone, Giorgio Fornoni, Michele Dotti, Pino Maniaci, Gaetano Saffioti, Gaetano Alessi.

Tutte persone che, proprio come i ragazzi del Gruppo dello Zuccherificio, per non stare zitti danno vita a questo evento ogni anno più importante. Da non perdere.

Il programma completo si trova qui: 3° meeting dell’informazione libera

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rimini, scoperta maxi evasione al Grand Hotel
Gioco di scatole cinesi nel cambio di proprietà

prev
Articolo Successivo

Frodo Mondadori: sbagliato in ogni caso

next