Il ministro delle Finanze francese Christine Lagarde è il nuovo direttore generale del Fondo Monetario Internazionale. Il comitato esecutivo del Fmi ha scelto così il successore di Dominique Strauss-Kahn, che si era dimesso lo scorso 18 maggio, dopo essere stato arrestato a New York per una presunta violenza sessuale ai danni della cameriera di un albergo.

Lagarde, 55 anni, sarà in carica per cinque anni, a partire dal prossimo 5 luglio 2011. Lo comunica una nota del Board del Fondo, in cui si sottolinea che la Lagarde è la prima donna a sedere sulla poltrona più alta dell’Fmi dalla nascita dell’istituto nel 1944. La scelta della signora Lagarde è stata fatta dai 24 membri del Comitato esecutivo in rappresentanza dei 187 paesi membri dell’Fmi. Ricordando come la scelta sia stata operata fra la Lagarde e il banchiere centrale del Messico Agustin Carstens, il Comitato esecutivo, nella sua nota, parla di “candidati ben qualificati” fra i quali la scelta è stata compiuta “per consenso”. L’elezione della Lagarde è stata definita dall’Eliseo “una vittoria per la Francia”.

Sebbene fosse la favorita, la strada della Lagarde per conquistare la poltrona lasciata vuota dal connazionale Strauss-Kahn non è stata priva di ostacoli. Dalle critiche al vetriolo di Carstens che l’accusava di parzialità nella gestione della crisi della zona euro, alle riserve dei paesi emergenti, passando per i guai giudiziari in Francia per l’affaire Tapie. La Lady di Ferro d’Oltralpe però si è sempre mostrata ferma e determinata, mantenendo intatto il suo amplomb. All’indomani della discesa in campo, Lagarde ha incalzato i 5 paesi del Brics, che avevano sottoscritto un documento contro la sua candidatura, con una tournèe elettorale nelle capitali di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa. Alla fine Lagarde è riuscita a strappare i consensi persino delle economie emergenti più reticenti, Pechino in testa, contrarie alla regola non scritta in base alla quale la guida dell’Fmi è sempre andata a un europeo.

Lagarde guiderà un’organizzazione che ha il compito di riflettere e ‘curare’ le trasformazioni dell’economia internazionale. Ma questo, per il neo-direttore generale, vorrà dire soprattutto dover affrontare una montagna di problemi, a iniziare dalla crisi del debito della Grecia fino all’andamento non proprio roseo delle maggiori economie internazionali, Usa in testa.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flottiglia, è incerta la partenza per Gaza

next
Articolo Successivo

Afghanistan, dai talebani attentato all’Hotel Intercontinental. Almeno 10 morti

next