Dura solo una puntata il costosissimo programma del critico d’arte su Rai1. La Rai ha deciso di sospendere infatti “Ora ci tocca anche Sgarbi”. Lo share è stato dell’8,27%, la metà di Chi l’ha visto? su Rai3 e poco di più di Exit su La7. Il sindaco di Salemi convoca all’improvviso una conferenza stampa e prova, maldestramente, a difendersi come può: “Si vede che gli spettatori preferiscono Melania alla cultura”. Non ha sensi di colpa per quanto la Rai ha speso per lui: un milione e 400mila euro a puntata rispetto ai 60mila euro del programma di Federica Sciarelli. Inoltre si scopre che Sgarbi e il gruppo dei suoi collaboratori hanno cenato a Palazzo Grazioli con Silvio Berlusconi dopo la trasmissione. Nessun imbarazzo per lui. Anzi dichiara: “Lui si compiace con me, perché non tratto le sue vicende private. A me non interessa dove mette il cazzo Berlusconi, a me interessa dove metto il mio”.
Servizio di David Perluigi, riprese e montaggio Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Calise: “Vince la Moratti? Speriamo di no”

next
Articolo Successivo

Milano, Bossi: “Pisapia è matto”

next