Caro immigrato che sbarchi a Lampedusa,

a te, che fuggi dal tuo paese e rischi la vita in mare per venire qui in Italia, ti chiedo: ma che cazzo ci vieni a fare qui!?! Ma sei scemo?!?

Gli italiani vanno via dall’Italia e tu che fai, vieni qui? Forse vieni pensando di trovarla deserta, senza italiani: ma “sono sempre i migliori quelli che se ne vanno” è un detto che si adatta più all’Italia che alla morte.

Da noi fuggono i cervelli; ma restano le braccia (quelle levate all’agricoltura), le bocche (quelle sempre aperte per esprimere un’opinione su tutto), i culi (dati e ricevuti). Insomma: dall’Italia fuggono i cervelli, ma restano gli italiani.

Italiani dappertutto: per le strade, ai semafori, sui mezzi pubblici. Uno schifo. Siamo il paese con la più grande comunità italiana nel mondo; tutti qui stanno! E questi italiani si comportano come se fossero a casa loro solo perché ci sono nati. (Come se non si venisse al mondo per puro caso; o, nel caso degli italiani, per sbaglio: gli italiani sono scherzi della Natura, Natura matrigna dotata di un senso dell’umorismo tutto suo…)

Immigrato, perché sei venuto qui?

Al tuo paese c’è la guerra? Beh, qui fanno più morti la malasanità e il lavoro.

Al tuo paese non ci sono le strade? Ma qui c’è la Salerno – Reggio Calabria!

Al tuo paese muori di fame? Lo rimpiangerai dopo aver mangiato la pasta col broccolo! (mi fanno schifo i broccoli, NdA)

Al tuo paese non c’è la democrazia? Beh, qui sì; ma votano gli italiani e vengono eletti italiani, è cazzo e tutt’uno! Siamo l’unico paese al mondo con un premier italiano. Siamo un’anomalia.

Ma soprattutto, l’Italia non è un paese sicuro. Ma non li leggi i giornali? Cogne, Novi Ligure, Erba, Avetrana: gli italiani uccidono! Spacciano, rubano, stuprano. E se chiami i carabinieri o la polizia ti si stuprano loro o ti ammazzano di botte. E poi ci sono Cosa Nostra, la Camorra… Io fossi un immigrato in Italia avrei paura ad uscire la sera.

L’Italia non è diversa dai centri d’accoglienza dove ti sbattono appena sbarcato; visto un Cpt hai visto tutto! Il resto del paese è tutto così: degrado, strutture fatiscenti, diritti violati… L’Italia è un enorme centro d’accoglienza per italiani in attesa di essere respinti!

Fuori gli immigrati dall’Italia! FUORI GLI ITALIANI DALL’ITALIA!!!

Il Misfatto (inserto satirico del Fatto Quotidiano), 8 maggio 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvio ghepensimì, perfetto netturbino

next
Articolo Successivo

Pace fatta sulla guerra fatta per la pace

next