La presidente del Lazio Renata Polverini con il sindaco di Roma Gianni Alemanno

Qualcuno voleva spiare la presidente del Lazio Renata Polverini. Alcune cimici sono state trovate nella sede della Regione. E una di queste era nell’ufficio della governatrice. La scoperta è avvenuta nel corso di una bonifica degli ambienti cominciata alcune settimane fa. Ora gli uffici sono stati isolati per consentire ai tecnici di ‘ripulire’ gli ambienti. Sull’episodio indaga la Procura di Roma.

Il ritrovamento dei dispositivi per intercettazioni ambientali è avvenuto dopo che nelle scorse settimane la Polverini ha subito due tentativi di furto nella sua abitazione. Il 28 febbraio un condomino del palazzo della governatrice ha visto due persone arrampicarsi sul balcone e ha lanciato l’allarme mettendo in fuga i presunti ladri che cercavano di forzare una finestra. “Ormai è un supermarket, chi vuole entra…”, ha commentato allora la diretta interessata. Una battuta che però dissimulava una preoccupazione. Il secondo tentativo è avvenuto l’11 marzo scorso, quando di notte nella casa della presidente del Lazio non c’era nessuno e a dare l’allarme è stata la mattina seguente la donna delle pulizie. Anche se l’abitazione al primo piano era a soqquadro, non risulta che sia stato rubato nulla. Per entrare in casa i ladri hanno piegato una inferriata e disattivato l’antifurto. Hanno frugato ma sembra non abbiano portato via nulla. In seguito ai due episodi il Questore di Roma, Francesco Tagliente, su proposta del Prefetto Giuseppe Pecoraro, ha disposto la vigilanza fissa sotto casa della governatrice 24 ore su 24.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Peculato e truffa, a giudizio l’ex segretario generale della presidenza della Repubblica

next
Articolo Successivo

Millantato credito e prostituzione minorile, arrestato l’ex prefetto di Napoli Ferrigno

next