Rocco è uno studente dell’istituto superiore per geometri e ragionieri di Diamante. Stiamo lavorando, insieme ai suoi compagni di scuola, a un progetto sulla legalità, uno dei tanti in questa stagione di retorica roboante.

Entrato in aula mi corre incontro trafelato e mi dice «Professò leggete ‘st’articolo, guardate cosa è successo stamattina in un paese qua vicino!».

S. Lorenzo in Vallo non è tanto lontano da Diamante, anche se il sole e il mare, incorniciati in una finestra della scuola, sembrano far dimenticare che anche quella è Calabria. Sarà che in quella cittadina turistica è l’odore dei soldi, più che la scia di sangue, a segnare la discreta presenza della ‘ndrangheta.

Un uomo è stato assassinato da due killer in scooter.

Era sopravvissuto ad un primo assalto del commando criminale che aveva trucidato, due mesi or sono, la moglie e la figlia. Gaetano, così si chiamava, era stato risparmiato dalla distrazione e dalla fretta.

Pierluigi interrompe il racconto con una domanda: «Professò se l’hanno ammazzato vuol dire che pure lui era mafioso». La risposta di Rocco è immediata: «No, questo Gaetano non c’entra niente. È una vendetta trasversale».

Il fatto si complica: il fratello di Gaetano, Aldo, era un commerciante. Il 17 gennaio, a Spezzano Albanese, ha ucciso a colpi di pistola Domenico Presta, 22 anni, figlio di Franco Presta, boss latitante. Da quel delitto è partita una spirale di sangue.

Franco Giamantonio, Procuratore della Repubblica di Castrovillari, ha dichiarato: «Ci troviamo di fronte a una ferocia senza limiti. A questo punto ci si può aspettare di tutto. Questa serie di omicidi potrebbe non essere finita e a questo punto ci si può aspettare di tutto. Evidentemente vogliono distruggere l’intera famiglia».

Aldo De Marco, intanto, si era costituito dopo il delitto ed ora è rinchiuso in un carcere calabrese. La moglie e i figli vivono sotto costante sorveglianza lontano dalla regione. Francesca interviene e dice: «Ma allora era un commerciante che ha reagito alle minacce del clan?». Rocco: «No!» e sorride. Domenico allora chiede: «Pagava il pizzo e lo hanno esasperato?». Rocco «No!» e sorride. Giada ci pensa un po’ su e poi esclama: «Sarà stata una questione di droga». Rocco «No!» e sorride.

A quel punto esausti del gioco prendo la parola: «Rocco ci spieghi di che si tratta e la smetti di ridere?». Rocco continua a sorridere e poi sbotta: «Ma quali minacce, pizzo e droga quello ha ammazzato il figlio del boss perché voleva parcheggiare prepotentemente davanti al suo negozio! E ora gli stanno sterminando la famiglia».

Il mare è ancora lì, azzurro e calmo. Riflette la luce del sole che invade la nostra aula. Siamo in Calabria nel mese di aprile dell’anno 2011. Il resto è incerto come i volti di quei ragazzi che si stanno domandando quale sia la differenza tra il bene e il male.

di Marcello Ravveduto

Per conoscere meglio il collettivo Strozzateci Tutti clicca qui

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Difende figlio dall’aggressione
Il branco lo uccide a calci e pugni

next
Articolo Successivo

Processo Mediaset, ad accogliere Berlusconi solo 200 persone

next