Una delle cose che mi angoscia di più è la mancanza della linea: “oltre la linea è sbagliato, prima della linea è giusto”. La vita è complicata proprio per questo, per la mancanza di quella linea. Su ogni argomento, a ben vedere, tutti hanno ragione, o almeno una certa parte di ragione, così come il contrario. E’ come navigare nella nebbia.

Una volta tanto, però, purtroppo… la linea c’è, ed è sancita definitivamente da questa notizia: “Tokyo – Lo iodio radioattivo trovato nell’acqua marina dinanzi al reattore numero 2 dell’impianto atomico di Fukushima, in Giappone, è 7,5 milioni di volte superiore al limite legale”. La misurazione, va aggiunto, è stata fatta prima che venissero sversate in mare tonnellate e tonnellate di acqua radioattiva. C’è da supporre dunque che ora sia ulteriormente aumentata. Le conseguenze di ciò (con buona pace di Ferrara e di tutti i criminali dell’opinione pubblica e privata che sostengono che invece no, a ben vedere, il nucleare si può fare, è necessario, non è a rischio, le statistiche dicono che… e altre cazzate di questa natura), saranno enormi, per tutti, per un tempo imprevedibile.

Per una volta sappiamo con certezza definitiva e inoppugnabile quello che non dobbiamo fare e chi è che sbaglia quando sostiene il contrario. E’ definitivo, basta, chiuso qui. Chiunque parli a qualsiasi titolo di nucleare ha torto, è un irrensponsabile, qualunque sia il suo approccio, per qualsiasi motivo ne parli, qualunque dato riferisca.

L’istante in cui comprendo che mi imbatto finalmente in una piccola grande verità universale, assoluta, e per una volta posso sostenere qualcosa senza l’ala scura del dubbio a minare le mie certezze, è corroborante. Ma dura solo un secondo. La preoccupazione enorme per il mare, per la terra, per questo mondo che oggi, davvero, senza essere allarmisti, sta morendo, prende il sopravvento…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cinque terre, la prima maxi-piscina progettata dall’ex custode del patrimonio ambientale

prev
Articolo Successivo

Dal wc al rubinetto: così a Singapore si ricicla anche l’acqua

next