Nel mio precedente post, Venti frasi della politica da abolire, avevo chiesto ai lettori del Fatto, ai miei amici su Facebook e su Twitter di suggerirmi altre frasi. Siete stati così tanto ispirati che sono riuscito a scrivere un’altra lista da venti frasi. Grazie a tutti!

21. Sulle questioni etiche lascio libertá di coscienza.
22. I problemi del Paese sono altri.
23. Non è questo il momento delle polemiche.
24. È una strumentalizzazione inaccettabile.
25. Gli italiani sono persone intelligenti e non si faranno prendere in giro.
26. Senza se e senza ma.
27. Io non l’ho interrotta, ora mi lasci parlare.
28. Non metteremo le mani nelle tasche dei cittadini.
29. Non entro nel merito della questione giudiziaria, lasciamo lavorare la magistratura.
30. Bisogna ridurre i costi della politica.
31. Sui costi della politica, non facciamo la solita demagogia.
32. Le mie parole sono state travisate.
33. Siamo aperti al dialogo e al confronto.
34. I sondaggi ci danno in crescita.
35. Adesso serve un giro di vite.
36. Venga subito a riferire in Parlamento.
37. Ce lo chiede l’Europa.
38. Abbiamo approvato una riforma storica.
39. Dobbiamo impegnarci tutti per non esasperare le contrapposizioni.
40. Alla gente non interessano i gossip, ma i problemi veri del Paese.

Come nel primo post, segnalo le mie preferite in grassetto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scilipoti insulta il Fatto
e non solo

next
Articolo Successivo

Verso la pubblicità rispettosa della donna

next