La Francia, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, oltre che altri Paesi europei e arabi si sono impegnati a partecipare alle operazioni aeree in Libia, autorizzate dall’Onu. Queste le forze che potrebbero essere messe in campo.

FRANCIA – La Francia dispone di un centinaio di caccia, in particolare Rafale e Mirage 2000, oltre che aerei radar Awacs. Una porta elicotteri Mistral è stata spostata di recente nell’area. Le basi aeree di Solenzara, in Corsica, e di N’Djamena, in Ciad, sono in stato di allerta. La portaerei Charles De Gaulle, attualmente a Tolone (nel sud della Francia), potrebbe avvicinarsi alle coste libiche.

GRAN BRETAGNA – La Gran Bretagna sta dispiegando aerei da combattimento Tornado e Eurofighter verso le basi vicine alla Libia. Potrebbe essere coinvolta Cipro, dove recentemente erano posizionati tre aerei radar Awacs. Londra dispone anche di basi a Malta ma La Valletta non ha dato l’ok per il loro utilizzo. Due fregate britanniche incrociano attualmente nel Mediterraneo, la Westminster e la Cumberland.

STATI UNITI  – F-15 e F-16 americani si trovano già nella base di Sigonella (in Sicilia). La porta elicotteri Bataan e due navi cisterna di sostegno saranno spostate mercoledì verso il Mediterraneo. Gli Usa dispongono inoltre di due cacciatorpedinieri lancia-missili nel Mediterraneo orientale, il Barry e lo Stout. Entrambi sono equipaggiati con missili da crociera Tomahawks.

CANADA – I canadesi hanno promesso caccia-bombardieri CF-18. La nave da guerra Charlottetown si trova già nella regione.

ITALIA – L’Italia ha chiesto che il coordinamento delle azioni militari siano trasferite da Stoccarda (Germania) a Capodichino, e ha proposto l’utilizzo di sette basi aeree, compresa quella di Sigonella, in Sicilia.

NATO – La Nato resta in attesa, e si limita ad “accelerare la pianificazione”. Sembra orientata a giocare solo un ruolo d’appoggio. Gli aerei radar Awacs dell’Alleanza sono già presenti nel Mediterraneo e sono in volo 24 ore al giorno e sette giorni su sette da una settimana. La Nato ha dispiegato recentemente tre navi cisterna nella stessa zona e le sue navi dragamine non sono lontane.

DANIMARCA – Copenaghen ha proposto l’impegno di un massimo di sei caccia F-16 e di un aereo da trasporto.

NORVEGIA – La Norvegia ha promesso un contributo senza precisarne la natura: dovrebbe trattarsi di aerei da trasporto Hercules e di caccia F-16.

BELGIO – Il Belgio si è detto pronto a partecipare, evocando la possibilità di ridispiegare “quattro dei sei” caccia F-16 attualmente impegnati in ambito Nato, oltre che una nave dragamine.

PAESI ARABI – Il Qatar ha assicurato la sua partecipazione, senza fornire dettagli. Un diplomatico dell’Onu ha promesso l’impegno degli Emirati arabi uniti, ma non ci sono conferme.

SPAGNA – La Spagna ha promesso “mezzi navali e aerei” e ha autorizzato l’utilizzo della base aeronavale di Rota, che serve da appoggio alle forze americane della Nato, situata nei pressi di Gibilterra, oltre che quella di Moron, a sud di Siviglia, condivise da aeronautica spagnola e americana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi Libica, il generale Mini: “La no fly-zone porterà a un’invasione di terra”

next
Articolo Successivo

Sette giorni in Tunisia

next