“Intervento volutamente tardivo”. Questa la posizione di Sinistra Critica, che a Milano scende in piazza insieme ad altre associazioni per sostenere il popolo libico. “Hanno lasciato a Gheddafi il tempo di fare il lavoro sporco – spiega Piero Maestri – così da poter controllare il territorio senza doversi confrontare con i processi rivoluzionari”. Un intervento militare, quello di Francia Gran Bretagna, Italia e Stati Uniti, che secondo i manifestanti avrebbe poco a che fare con l’interesse umanitario di liberare un popolo dal giogo del dittatore. In piazza anche alcuni stranieri. “Apprezziamo il sostegno dell’occidente – dichiara il presidente dell’Istituto culturale islamico di viale Jenner a Milano Abdel Hamid Shaari, ma concorda sulla tardività dell’intervento. E sul premier italiano dichiara: “I baciamano riguardano il potere, il petrolio. Berlusconi ha rapporti con leader molto discutibili, ma questo – sottolinea – non ha nulla a che fare con il popolo libico, né con quello italiano”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Storace: “Avrei bombardato Gheddafi per frasi su italiani”

prev
Articolo Successivo

Tunisia, i cittadini della kasbah: “Berlusconi degage”

next