Oltre ai rischi, oltre alle scorie, oltre ai costi, oltre ai tempi lunghi, oltre alle lobby, il problema più grosso del la tecnologia nucleare è che non si riescono mai ad avere informazioni trasparenti. In parte per il fatto che i dati sono sempre nascosti dal segreto militare e in parte perché, anche quando si possono fornire informazioni, gli enti preposti non le forniscono mai. La sciagura giapponese lo sta dimostrando.

Il Governo e i politici nipponici stanno nascondendo parte della verità, per paura di allarmare. Ma così non si informano i cittadini di quello che sta realmente accadendo. L’organismo di controllo mondiale sul nucleare e il Governo francese si dicono fortemente preoccupati della situazione e dei pochi dati che i giapponesi stanno comunicando pubblicamente. In particolar modo c’è una conferenza stampa di Masashi Goto (ex-progettista di centrali nucleari) che in diretta alla Bbc ha espresso le sue perplessità lanciando circostanziati e preoccupanti allarmi.

Una ragione in più per non fidarsi e per bloccare il nucleare in Italia votando Sì al prossimo referendum.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Nucleare, 5 domande a Chicco Testa

next
Articolo Successivo

Macabri

next