Manifestazione ieri sera al cinema Barberini di Roma per rendere omaggio a Jafar Panahi. Il regista iraniano, Leone d’oro a Venezia nel 2000 con “Il cerchio“, condannato dal regime a 6 anni di carcere e a 20 di divieto d’esercizio della professione. L’iniziativa, organizzata da Cinecittà Luce e Articolo 21, ha ricordato anche il caso di Mohammad Rasoulof, collega e connazionale a cui è toccata la stessa pena. L’appello, rilanciato anche sul sito del Fatto, è stato sottoscritto da oltre ottomila persone. “Mi hanno privato della possibilità di esprimere il mio pensiero e scrivere per vent’anni, ma non possono impedirmi di sognare che fra vent’anni l’inquisizione e le intimidazioni lasceranno il posto alla libertà e al libero pensiero” sono le parole Panahi lette in sala. Entro tre settimane per il regista c’è il terzo grado di giudizio che determinerà il suo destino. Stasera la manifestazione si ripeterà al cinema Massimo di Torino in nome della libertà d’espressione. Sono stati scelti come simbolo della manifestazione dei palloncini verdi che richiamano il movimento di protesta iraniano, Movimento Verde.
Servizio di Paolo Dimalio e David Perluigi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano Nuova, lista multietnica per le comunali

prev
Articolo Successivo

Charlie Brooker fa a pezzi Berlusconi

next