Sì all’estradizione per Julian Assange. Questa la decisione presa dal tribunale di Londra sulla richiesta avanzata dalla Svezia nei confronti del fondatore di Wikileaks. Assange è accusato dalla procura di Stoccolma di reati sessuali dopo la denuncia presentata in autunno da due donne che lo hanno accusato di rapporti sessuali contro la loro volontà.

Il giudice Howard Riddle ha giudicato ammissibili le accuse di violenza e molestia sessuale presentate dalle due e definito “correttamente motivata” l’istanza di estradizione presentata dal paese scandinavo. Il fondatore di Wikileaks ha ora una settimana di tempo per presentare il già annunciato appello alla sentenza. In caso contrario, sarà estradato entro dieci giorni.

Di fronte all’appello, il destino definitivo di Assange slitterà di vari mesi. Assange, arrivato al tribunale di massima sicurezza nel sud-est di Londra affiancato da un membro femminile del suo team legale, era presente in aula – gremita da centinaia di giornalisti  – alla lettura del verdetto.

Assange, mandato di cattura per stupro (leggi l’articolo)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, “esecuzioni sommarie negli ospedali” Offensiva su Zawia e Misurata

prev
Articolo Successivo

Gheddafi in tv accusa Al-Qaeda
La Svizzera congela i beni del Raìs

next