Silvio Berlusconi avrebbe deciso di non presentarsi davanti ai pm di Milano, che gli hanno recapitato un invito a comparire per il prossimo fine settimana accusandolo di concussione e prostituzione minorile per il caso Ruby. Secondo alcune agenzia di stampa, questo è l’orientamento che sta maturando tra i legali del premier dopo l’incontro ad Arcore di ieri pomeriggio. Ma gli avvocati di Berlusconi smentiscono: “Leggiamo su alcune agenzie di stampa illazioni prive di ogni fondamento – dicono in una nota congiunta Niccolò Ghedini e Piero Longo –  Nessuna decisione è stata ancora presa in merito all’invito a comparire rivolto al presidente del Consiglio”.

Anche se la versione ufficiale di questa mattina era ancora “non abbiamo deciso”, secondo indiscrezioni delle agenzie di stampa non è escluso che i legali del premier eccepiscano un legittimo impedimento per il 21, il 22 e il 23 gennaio, le date indicate nella convocazione dei magistrati. In questo modo gli avvocati di Berlusconi guadagnerebbero il tempo necessario per mettere a punto la strategia processuale: il fascicolo, è la tesi di Ghedini e Longo,  in primo luogo avrebbe dovuto essere trasmesso subito, o comunque entro 15 giorni dopo l’iscrizione di Berlusconi nel registro degli indagati al Tribunale dei Ministri, senza nemmeno effettuare alcuna attività di indagine come invece è stato fatto con le perquisizioni dell’altro ieri. I legali del premier, dunque, continuano a ritenere che la competenza per i fatti oggetto delle contestazioni non sia della Procura di Milano.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fini: “Italia più credibile grazie ai magistrati” E su Ruby B. attacca: “Solo fango dei giudici”

next
Articolo Successivo

Parmalat, i pm chiedono una confisca da 120 milioni per le banche

next