Rafa Benitez è un allenatore, ma anche una matassa difficile da districare. Parola di Moratti, che di fatto non sa cosa fare. E’ rimasto sorpreso, il patron dell’Inter, perché “quello che è successo è stato abbastanza sorprendente”. Ovvero, un allenatore che aveva appena vinto il Mondiale per club ha sparato ad alzo zero contro i suoi dirigenti e contro il suo predecessore, Mourinho. Tutti si aspettavano il licenziamento pronto cassa. E invece Benitez è ancora sulla panchina dei pluricampioni, perché ha un contratto sino al 2012 da 3,5 milioni, e trovare un sostituto non è poi così semplice.

L’allenatore è lui, almeno finché è lì” sospira il rassegnato Moratti, che ha smentito con fastidio ogni interesse per l’ex milanista Leonardo. Una soluzione andrà comunque trovata, e in fretta. Ma Benitez ha già vinto, con il suo contropiede. Perché ora il gioco lo comanda lui, che si è infilato negli spazi: del non detto, e del non deciso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cartellino rosso, dagli stadi di calcio
alle piazze. Più daspo per tutti

next
Articolo Successivo

Lo strano caso di Massimo M.

next