Catia Polidori e Maria Grazia Siliquini sulla Bild Zeitung“Queste belle donne hanno salvato Berlusconi”, titolava ieri il giornale scandalistico tedesco Bild Zeitung, pubblicando le foto del duo Siliquori & Poliquini. Nelle immagini scelte dalla Bild, Frau Polidori sembra una cameriera dell’Oktoberfest, con i lunghi capelli biondi che le cadono sulle spalle e la camicetta bianca scollata. La Siliquini invece ha un piglio grintoso, a metà tra Irene Pivetti e Nancy Pelosi. Da una parte lo stereotipo della donna-velina, dall’altra quello della donna in carriera. Dalla Bild, del resto, non ci si poteva aspettare tanto di più.

Il quotidiano più letto dai tedeschi (oltre 3 milioni le copie vendute ogni giorno) ha comunque un pregio: quello di richiamare l’attenzione su una questione di genere. Ironia della sorte, a salvare l’uomo del Bunga-Bunga, che frequenta ragazzine minorenni e ha contribuito a rendere l’Italia il paese più maschilista d’Europa (citando Caterina Soffici), sono state anche due donne.

“Non ci posso credere che proprio due donne abbiano contribuito a far vincere B.”, mi ha detto stupita la mia compagna, nata e cresciuta a nord delle Alpi. A dire il vero i motivi per non votarlo sarebbero più che sufficienti anche per un maschio sano di mente. Ma le donne hanno una ragione in più: Berlusconi offende la dignità femminile, promuove la “cultura dell’harem”, come ha scritto un mese fa il settimanale americano Newsweek, “ricordando che la seduzione conta di più di un curriculum con i fiocchi”. Nessuna sorpresa, quindi, se “nelle classifiche sulle pari opportunità l’Italia è agli ultimi posti al mondo”, continua Newsweek.

In effetti siamo all’87° posto per partecipazione delle donne al mondo del lavoro, 121° per parità di salario, 97° per la possibilità di raggiungere posizioni di leadership e 74° per il trattamento delle donne in generale: dietro a Colombia, Perù e Vietnam e indietro di sette posti rispetto al 2008, quando Berlusconi è tornato al governo.

Ma i dati di fatto a quanto pare non bastano. Buona parte delle donne continua a tifare per lui, a votarlo, a onorarlo. Gli interessi di bottega prevalgono sull’orgoglio di genere. I soldi hanno la meglio sulla dignità. Niente di nuovo. Solo che da due donne impegnate, determinate, intelligenti ci si aspettava forse qualcosa di più.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Tutto finto

next
Articolo Successivo

Berlusconi: “Altri otto deputati sono con me”

next