Si assume le responsabilità per la sconfitta di Stefano Boeri, il candidato del Pd alle primarie di coalizione a Milano. Filippo Penati si è dimesso da segretario politico del Pd con una lettera inviata a Pier Luigi Bersani, il vicepresidente del Consiglio regionale lombardo si accolla le colpe: “Di fronte al risultato della consultazione di domenica scorsa e al dibattito che ne è seguito, credo sia necessaria una mia assunzione di responsabilità”.

“Caro Pier Luigi – scrive nella missiva Penati – Desidero innanzitutto ringraziarti per la fiducia che hai voluto concedermi chiamandomi a  svolgere prima il ruolo di coordinatore nazionale della tua mozione nella fase congressuale e poi  quello di  responsabile della tua segreteria politica.  Per me si è trattato di un’esperienza straordinaria e di un grande onore, del quale ti sono profondamente grato. Io ho condiviso e sostenuto la scelta compiuta dalla Direzione provinciale milanese di candidare Stefano Boeri alle primarie per le comunali di Milano”, aggiunge.

“Di fronte al risultato della consultazione di  domenica scorsa  e al dibattito che ne è seguito, credo sia necessaria una mia assunzione di responsabilità.  Ora è necessario superare rapidamente la pur doverosa  fase di chiarimento che ci vede ancora una volta ripiegati su noi stessi e accettare l’esito delle primarie, senza rinviare la campagna elettorale per Giuliano Pisapia che ci deve portare a sconfiggere le destre a Milano. Al giovane gruppo dirigente  milanese e lombardo, a cui chiedo di riconfermare la fiducia, va riconosciuto il merito di aver tenacemente voluto le primarie e di aver offerto ai milanesi l’opportunità di una vera partecipazione.  Sono state primarie non scontate, vero esempio di democrazia partecipata”.

“Il dato che più preoccupa – precisa – è la flessione del numero dei votanti, che  mette in luce la necessita di una rimotivazione del nostro elettorato, che  vive un momento di scoramento che è nostro dovere non sottovalutare. Proprio perché penso che la vittoria alle comunali di Milano sia più importante delle vicende personali,  e per questo  continuerò ad impegnarmi con convinzione per Milano, e perché credo che con  Giuliano Pisapia  si possa vincere, intendo rinunciare all’incarico  di responsabile della segretaria politica che tu mi hai affidato. Ora quello che serve  è chiudere in fretta il confronto nel nostro partito. Ora  serve  che il Pd sia in campo con Pisapia per battere la Moratti. Da parte mia continuerò a lavorare  con la passione e l’impegno di sempre per la vittoria a Milano  e per l’affermazione dell’alternativa  nel Paese. A te il mio più sincero augurio di buon lavoro”, conclude.

Ma per Ignazio Marino “questo non è il momento delle dimissioni, che non hanno senso”. “Ora il punto non è discutere internamente su ciò che è stato fatto, – ha aggiunto – ma lavorare per arrivare al governo della città di Milano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Primarie: cosa è successo a Milano?

next
Articolo Successivo

Ecco i nomi, i volti e le idee dei rottamatori

next