Guido Bertolaso ha lasciato la Protezione civile con una lettera in cui esalta i suoi successi e nega ogni scandalo.
Nella stessa lettera ha designato il suo successore: Franco Gabrielli, ex direttore del Servizio centrale antiterrorismo della Direzione centrale polizia di prevenzione, ex direttore del SISDE e dell’AISI, ex prefetto dell’Aquila – nominato il 6 aprile 2009, giacché la carica era vacante e si era appena verificato il terremoto – e vice commissario vicario per l’emergenza terremoto.

Repubblica, l’Unità, il Sole 24 Ore, agenzie e siti di informazione titolano, decretando che è Gabrielli il nuovo capo Dipartimento alla Protezione civile. Il che è molto probabile. Ma ci si dimentica – e dimenticandoselo, si avalla una prassi inquietante – che non è Bertolaso a poter decidere chi gli succederà.
Sarà Gabrielli, d’accordo, è probabile, ma per annunciarlo urbi et orbi sarebbe d’uopo, quantomeno, attendere il Consiglio dei Ministri che ufficializzerà la nomina.

Potrebbe sembrare una questione di attaccamento alla forma, ma nella situazione politica italiana – e considerata l’eredità che lascia sul campo Guido Bertolaso – la forma diventa sostanza ed entrambe vengono scavalcate.
Ufficializzare la nomina di Gabrielli senza attendere la nomina politica non fa che rafforzare la prassi dei Re Sole che designano i loro successori con riti da ancien régime.

Come se al tavolo della sede di Via Ulpiano a Roma sedessero i Cavalieri della Tavola Rotonda.
Come se tutto ciò che afferisce alla sfera pubblica si potesse tramandare ereditariamente oppure per investitura.
In democrazia, ciò non accade.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La lezione dei Seminole e le elezioni

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Chiederò la fiducia prima al Senato e poi alla Camera”

next