Dolce e Gabbana sono prossimi al rinvio a giudizio per un’evasione fiscale da un miliardo di euro. L’indiscrezione di stampa è di pochi giorni fa. A giugno il Comune di Milano srotolava loro il tappeto rosso per il Ventennale del marchio, proposto come un grande evento culturale. Maxischermi, celebrità, il municipio trasformato in un set pubblicitario, un drink offerto al popolo nei bar del centro. L’indagine fiscale e giudiziaria era già nota ma si è preferito sorvolare, in nome del Made in Italy e del suo indotto. Nel silenzio della città, interrotto solo dalla nostra voce.

Leggi il resoconto a caldo sul mio blog

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toda lode

prev
Articolo Successivo

Il diritto costituzionale alla verità

next