“Caro Franco, sei una persona certamente esuberante ma non mafioso, però se scopro che per vent’anni mi hai preso in giro e che sei davvero un gran mafioso, ti dò una testata”. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianfranco Miccichè, durante la convention di Forza del Sud, il neo partito dell’ex forzista. Destinatario dell’avvertimento è il deputato regionale Franco Mineo, indagato per mafia dalla Procura di Palermo.

Per Mineo, quella di oggi, è stata la prima uscita pubblica dopo l’avviso di garanzia ricevuto tre giorni fa. Al suo arrivo è stato salutato da un applauso, tre o quattro persone, hanno anche tentato una standing ovation, ma gli altri trecento simpatizzanti sono rimasti seduti al loro posto al Teatro Golden.

“E’ giusto che Mineo chiarisca tutto con la magistratura”, ha aggiunto ancora Miccichè. Una persona prima di essere indagata o di finire in galera, deve avere la possibilità di essere chiamata e di chiarire, di spiegare. Invece di essere sbattuto in prima pagine sui giornali. Se dovessero esserci a breve le elezioni regionali, come ci auguriamo, Mineo rischia la candidatura”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Paura, violenza, conflitto

prev
Articolo Successivo

Il cacciatore di mandanti morali

next