Dal consiglio provinciale di Napoli si aspettavano risposte chiare: un no risoluto alla possibile apertura di una nuova discarica nel parco nazionale del Vesuvio. Invece, no. Il presidente Luigi Cesaro, dopo gli incontri con Berlusconi, non ha fatto altro che aumentare la confusione e nascondere la realtà. Le proposte sul tavolo sono oscene. Si parla di un possibile ampliamento delle attuali discariche già in funzione, quella nel parco del Vesuvio e di Chiaiano e addirittura la possibile riapertura di discariche ormai chiuse da tempo, come Tufino, Giugliano o eventualmente Acerra.

E pensare che solo pochi giorni fa gli amministratori del Pdl, tornando dall’incontro con Berlusconi, con tanto di foto a seguito, annunciarono che la discarica nel Vesuvio non si sarebbe fatta. Cesaro, distratto dalle bugie del primo ministro, continua a dimenticare che l’ente provinciale ha la competenza sull’intero ciclo dei rifiuti e che dal 1° gennaio 2011 dovrà subentrare nella gestione a tutti i comuni della Provincia. E ad oggi dopo più di un anno dall’insediamento della Giunta non si è ancora provveduto a presentare il Piano provinciale dei rifiuti che dovrebbe rappresentare il primo punto per la definizione delle strategie da mettere in campo per affrontare alla radice il tema dei rifiuti. Luigi Cesaro, presentato come il primo passo verso il rinnovamento dopo i governi di centro-sinistra, sta diventando il simbolo del nuovo disastro ambientale e sociale.

Cesaro, al momento, ha costituito la società provinciale, paghiamo i fitti per gli uffici, paghiamo gli amministratori, ma non è dato sapere per raggiungere quali obiettivi. Dopo anni di camorra e malapolitica, i cittadini hanno il diritto di conoscere il progetto che questi signori hanno in mente, le discariche, gli inceneritori da realizzare nella zona orientale di Napoli e a Giugliano. Zone martoriate da sversamenti abusivi, in attesa ancora delle, più volte invocate, bonifiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La terra frana. I soldi al Papa e al ponte

next
Articolo Successivo

Inceneritore di Acerra, il procuratore di Nola smentisce B. “Funzionamento episodico”

next