Bossi, nel suo ruolo mediatico di principale utilizzatore del dito medio in erezione si rifà alla tradizione classica – da Aristotele a Seneca – per i quali, in lingue diverse, più o meno in “medio stat virtus”, ovvero a quella più recente di Marshall Mc Luhan, secondo cui “il medium è il messaggio”?

La questione non è così irrilevante come appare. Se fosse la brillante e riconosciuta cultura classica di Bossi all’origine del gesto, quando Egli lo rivolge a Fini e Casini si tratterebbe di un gesto di solidarietà, a conferma della pervicace propensione a un moto politico di centro dei due suddetti leaders – saluteremmo quindi in lui preoccupati la rinuncia alla diversità padana.

Qualora invece l’altrettanto nota e brillante familiarità dell’uomo con la semiotica della comunicazione contemporanea di Mc Luhan fosse l’ispiratrice del gesto, dovremmo indirizzarci a una lettura diversa.

Se il medio – eretto – è il messaggio ci si chiede chi o cosa potrebbe essere il destinatario del messaggio stesso. Una persona o una sua parte? E se, ragionevolmente solo una parte di essa fosse il termine del messaggio, non saremmo di fronte a un gesto che, rivolgendosi alla parte per il tutto, rivelerebbe una grande fiducia nel fatto che questa parte possa influenzarlo, il tutto?

E dunque, è di fronte alla glorificazione della Padania che ci troveremmo.

Confidare che una parte locale possa migliorare il tutto nazionale è indubitabilmente un principio padano. Allora sulla base di questa ammirevole coerenza saluteremmo compiaciuti il gesto di Bossi e perfino contempleremmo il dito invece della Luna, ammirati della sua dirittura.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ci sono un italiano, un francese e un libico …

next
Articolo Successivo

La cultura della dispensa (16ma parte)

next