La crisi economica continua a fare male all’Italia. Con un Pil che nel terzo trimestre 2010 registrerà un -0,3% su base annua, il nostro Paese è in coda alla classifica del G7. Lo rivela l’Ocse nel suo ultimo rapporto previsionale, secondo il quale il Pil italiano tornerà a crescere, seppure di poco, nel quarto trimestre attestandosi a +0,1%, contro il +1,5% del secondo trimestre e il +1,6% dei primi tre mesi dell’anno.

Il risultato dell’Italia è il peggiore tra le sette maggiori economie mondiali ed è l’unico con segno negativo. L’Ocse stima per la Germania una crescita dello 0,7% del Pil nel terzo trimestre e un +1,1% nel quarto, dopo un inatteso +9% nel secondo trimestre. Per la Francia la previsione è di una crescita dello 0,7% nel terzo trimestre e dello 0,3% nel quarto, mentre per la Gran Bretagna la stima è di un +2,7% nel terzo e +1,5% nel quarto trimestre. Il risultato degli Usa si attesterà a +2% nel terzo trimestre e +1,2% nel quarto. Per il Giappone, la previsione dell’Ocse è di una crescita dello 0,6% del Pil nel terzo trimestre e dello 0,7% nel quarto, dopo il +0,4% del secondo.

Nel terzo trimestre di quest’anno la variazione media del Pil dei Paesi del G7 è di +1,4% e nel quarto sarà di +1%. La ripresa economica mondiale dà quindi segnali di flessione, visto che nei Paesi del G7 il Pil era cresciuto del 3,2% e del 2,5% nel primo e nel secondo trimestre. Si tratta, spiega l’Ocse, di un “rallentamento dell’andamento della ripresa più pronunciato di quanto precedentemente stimato”. Non è ancora chiaro se la frenata della ripresa “sia temporanea oppure segnali un più forte indebolimento dei consumi privati, in una fase in cui i sostegni all’economia iniziano a essere rimossi”. A pesare sull’economia mondiale e sui consumi sono anche le incertezze sull’occupazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonanni non è Lama. Purtroppo

next
Articolo Successivo

Industria e ambiente, l’appello a Napolitano

next