Dalle telefonate ai furbetti del quartierino ai pizzini allungati in tv. Dalle primarie del centrosinistra al rapporto con Vendola e Di Pietro. Su Telebavaglio tutto quello che avreste voluto domandare a Nicola La Torre e nessuno gli ha mai osato chiedere. Incalzato da Roberta Covelli, 18 anni, attivista di Qui Milano Libera, dice che adesso la priorità è cacciare Berlusconi. Quindi larghe intese con tutti i partiti pur di allontanare il Cavaliere. E sulle primarie: “Sono una delle novità del Pd dalla sua fondazione”. Poi Latorre prende le distanze da Piero Fassino che ha definito squadristi i contestatori di Schifani, ma evita commenti sul presidente del Senato. E sul ddl intercettazioni targato Mastella-centrosinistra che, per quanto riguardava la stampa, era la fotocopia della legge bavaglio, dopo un lungo duello, alla fine ammette: “Per fortuna quel testo non è mai stato approvato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il Comune sciolto per raccolta differenziata

next
Articolo Successivo

Donna Assunta: “Fini ha tradito”

next