La scure di Roberto Maroni in Campania colpisce un’amministrazione virtuosa dove la raccolta differenziata è gestita da far invidia all’Alto Adige. Vincenzo Cenname, ex sindaco di Camigliano, è stato cacciato perché si è rifiutato di cedere la gestione dei rifiuti alla società provinciale erede del consorzio Napoli-Caserta. Di recente i lavoratori di questa azienda hanno provocatoriamente scritto una “lettera aperta alla Camorra” chiedendo aiuto contro i tagli e i mancati pagamenti.  Ma la legge regionale 26 costringe le amministrazioni locali a farsi da parte. Ma il primo cittadino non ci sta e annuncia un ricorso al Tar

di Nello Trocchia e Paolo di Malio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telebavaglio 03: La Rai la facciamo blu

next
Articolo Successivo

Telebavaglio 04: Pd, io speriamo che me la cavo

next