In questa epoca di fine regime si moltiplicano gli appelli alla piazza. Dopo il lancio del No B Day 2 il prossimo due ottobre, un nuovo invito a manifestare arriva dal gruppo di Micromega, la rivista di politica del gruppo L’espresso. Sul suo sito Internet è stato pubblicato un appello a firma di del direttore Paolo Flores d’Arcais, dell’astrofisica Margherita Hack di Don Andrea Gallo e dello scrittore Andrea Camilleri in cui si invitano i cittadini a manifestare a difesa della Carta costituzionale.
“Il carattere eversivo dell’azione di Berlusconi è ormai dichiarato – recita il testo – la sua volontà di assassinare la Costituzione nata dalla Resistenza è costantemente esibita. Per difendere la Repubblica è necessario che l’Italia civile faccia sentire unanime la sua voce”.
L’invito è rivolto a tutte le realtà della società civile, dalle associazioni alle testate giornalistiche al popolo viola e ai singoli personaggi del mondo della cultura, della scienza e dello spettacolo che hanno “il privilegio e la responsabilità della visibilità pubblica”. I tre intellettuali si rivolgono tutti coloro che si riconoscono nei valori sanciti della Costituzione repubblicana e che non ci stanno a vederla calpestata dall’azione del presidente del consiglio. Oltre alla difesa della Carta, la piattaforma politica della convocazione verte su pochi precisi punti, molti dei quali sono già le parole d’ordine dei ragazzi del popolo viola che stanno scaldando i motori dell’organizzazione del “sequel del No B Day”. Si passa dalla richiesta di dimissioni del presidente del consiglio a una piena realizzazione dei dettami costituzionali, dalla appello per una normativa seria sul il conflitto d’interessi a una legge elettorale che restituisca il pieno diritto di voto ai cittadini-elettori. Appuntamento dunque a fine settembre o ai primi giorni di ottobre per una una “indimenticabile giornata di passione civile”.

Firma l’appello sul sito di Micromega

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La scomparsa della Lega

prev
Articolo Successivo

Famiglia Cristiana: “Per Berlusconi vale solo il metodo Boffo”. Il Pdl: “Solo pornografia”

next