Comunichiamo lo svolgimento di un’iniziativa culturale in cui il Movimento per la Decrescita Felice (MDF) sta collaborando, ed invitiamo tutti gli iscritti ed i simpatizzanti di approfittare di questa occasione per vivere qualche giorno di festa e di conoscenza reciproca.

Ad Acciaroli, in uno dei tratti più belli dell’intera costa italiana, con le migliori spiagge della zona cilentana, l’associazione E’-Motivi di Parma organizza l’evento ‘u viecchiu, in collaborazione con il Comune di Pollica (SA), MDF, Slow Food, con il contributo della Regione Campania e della Comunità Europea.

U’viecchiu, è il vecchio, cioè Antonio Masarone da Acciaroli. Ma “U’viecchiu” è anche “El viejo”, cioè Santiago, da La Havana, Cuba, il protagonista de “Il vecchio e il mare”, il capolavoro del 1952 col quale Hemingway si aggiudicò il Pulitzer l’anno seguente, e che contribuì grandemente a fargli vincere il Nobel l’anno seguente ancora. Ma se “u’viecchiu” è un po’ anche “el viejo”, allora anche Cuba è un po’ Acciaroli, e viceversa. Per tre giorni Acciaroli, città Slow Food e bandiera blu, sarà una piccola Cuba in festa: cibo, cultura, musica ed armonia, con “aperitivi slow” accompagnati dai vini e dai menù locali tipici del territorio cilentano, e, dalle 20.oo con musica dal vivo per le strade del borgo marinaro.

Agli aperitivi (dalle 18 alle 21) è da segnalare la presenza di personalità del mondo giornalistico e dello spettacolo in collaborazione con MDF e Slow Food in momenti oziosi accompagnati dai presidi Slow Food e vini cilentani: dall’antropologo Marino Niola al presidente del Movimento per la Decrescita Felice, Maurizio Pallante, ai sindaci cilentani Daniele Filizola (Torraca, prima Led City al mondo) e Angelo Vassallo, oltre a Dario Tamburrano ed Elisabetta Moro.

Momento topico del Festival sarà sicuramente lo spettacolo di Teatro Canzone all’Arena del Mare con la stimatissima attrice di Teatro Isa Danieli e il pianista compositore Alessandro Nidi, nel quale verrà presentato uno spettacolo tratto da “Il Vecchio e Mare”, le contaminazioni tra la musica cubana, quella dell’Italia Meridionale e il mondo di Eduardo De Filippo.

Se vuoi informarti su Mdf vai anche su decrescitafelice.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’uomo che ha fatto ridere Beckett

next
Articolo Successivo

Nap e Nat, la resistenza continua

next