E’ il 6 del mese. E per molti italiani questo non vorrà dire niente. Per L’Aquila vuol dire qualcosa.
Vuol dire che oggi, come accade da più di un anno a L’Aquila si tiene il presidio della memoria.

Per ricordare il 6 aprile 2009 e per andare oltre. Perché l’unico modo per andare oltre quella data è non dimenticare, cosa molto difficile in un paese come il nostro, che ha una memoria – a breve o a lungo termine poco importa – decisamente deficitaria.

Cosa c’è, da ricordare, oltre a un terremoto che ha devastato il capoluogo abruzzese e i paesi del Cratere sismico?
Per esempio, le responsabilità pregresse. La mancanza di previsione e prevenzione, nonostante uno studio del 1999 che indicava come fortemente probabile un evento sismico nell’aquilano. E che proponeva addirittura un elenco di edifici pubblici a rischio crollo: il 6 aprile 2009, dieci anni dopo, sono crollati tutti.

E ancora, la mancanza di un piano di Protezione Civile all’Aquila, la mancanza dell’indicazione di aree di ammassamento materiali e mezzi, e quella Commissione Grandi Rischi delle polemiche che il 30 marzo 2009 rassicura tutti raggiungendo la scontata conclusione del “non si possono prevedere terremoti”. Dopo 4 mesi di sciame sismico.

E poi, la gestione post emergenziale. La Di.Coma.C., il quartier generale del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile all’Aquila, instaurato il 9 aprile: un acronimo che significa Direzione di Comando e Controllo.
30mila sfollati negli alberghi. 30mila divisi in 172 campi tendati.

Note ufficiali che invitano a non distribuire caffé, cioccolata, salumi, alimenti e bevande eccitanti nei campi; le tendopoli recintate; l’accesso limitato; i giornalisti che devono accreditarsi presso l’ufficio stampa della Di.Coma.C. per fare interviste, secondo un modello di giornalismo embedded; il Comando e il Controllo; il miracolo aquilano raccontato a tutta Italia a reti unificate.

E soprattutto, la scelta inedita e inaudita, in seguito a un terremoto, di ignorare il preesistente e di costruire ex novo. Il potere di ordinanza e di deroga della Protezione Civile. Le C.A.S.E. (Complessi Antisismici Sostenibili Ecocompatibili), quartieri-ghetto, senza servizi e senza collegamenti con il tessuto sociale della città dell’Aquila, decise dall’alto pochi giorni dopo il sisma. Le macerie non rimosse. I centri storici distrutti. La città fantasma. Le poche voci critiche.

E poi, all’improvviso, la cricca, gli imprenditori che ridevano, il velo mediatico che comincia a sollevarsi, il PD che si rende conto che forse qualcosa andava detto e fatto, le manganellate alla manifestazione di Roma. Fino alla verità: L’Aquila non è un miracolo. E’ una città ferita che questo Governo non ha saputo soccorrere, perseguendo altri interessi, molto meno virtuosi.

Ogni 6 del mese bisognerebbe parlarne. Per non dimenticare L’Aquila.
Per non dimenticare che potrebbe accadere ovunque.

Per fare una bella cura di fosforo agli italiani, attraverso la parola e il racconto, unici anticorpi nei confronti di un presunto Governo del Fare, che maschera il suo “fare male” attraverso la narrazione e la ricostruzione mediatica.6 agosto – Presidio della memoria

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abusi ‘celebri’ in costiera amalfitana

next
Articolo Successivo

Dall’Eurostar all’Hogwarts Express

next