E’ passata inosservata la notizia della “piccola” modifica apportata al regolamento della nuova Agenzia per la sicurezza nucleare: l’ente di diritto pubblico dotato di “autonomia tecnica, scientifica, amministrativa e contabile” fondamentale per lo sviluppo del programma nucleare italiano. Con decreto della presidenza del Consiglio sono infatti state  eliminate le incompatibilità professionali. Ergo: un modo per togliere di mezzo il conflitto di interessi tra incarichi ricoperti.

Nel collegio di gestione ( formato da quattro membri di cui due nominati dal ministero dell’Ambiente e gli altri dallo Sviluppo) potrebbero quindi sedere uomini che svolgerebbero contemporaneamente la funzione di controllore e controllato. Due nomi? Michele Corradino e Luigi Pelaggi. Chi sono?

Rispettivamente  l’attuale capo di Gabinetto e capo segreteria tecnica del ministro dell’Ambiente. Ma si sa il conflitto di interessi in Italia è solo una grande bugia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La ‘colata’ di Mediapolis

next
Articolo Successivo

Marea nera come la coscienza

next