Per chi ama la radio e vive della sua compagnia, è stato lo spartiacque.

Da Alto Gradimento in poi è cambiato tutto, complice pochi anni dopo, quasi in contemporanea con la sua chiusura, l’arrivo delle emittenti private.

Alto Gradimento ha spostato più in là, e di parecchio, i paletti della radio.

Sono trascorsi 40 anni esatti.

All’inizio Arbore & Boncompagni avevano pensato di intitolare il nascituro programma:”Musica e puttanate”, ma l’allora dirigenza di via Asiago non acconsentì. Venne tirato fuori: ”Basso Gradimento”, modificato poi per il definitivo, il giorno della prima puntata.

Non si fermava certo l’Italia, come ai tempi di Lascia o Raddoppia, ma buona parte del Paese conviveva ogni giorno con quei personaggi astrusi e strampalati che venivano fuori dall’altoparlante.

Max Vinella, Scarpantibus, il Colonnello Buttiglione, il Dottor Marsala, Vinicio, la Sgarambona, il Professor Aristogitone, Pasquale Zambuto, per non parlare dell’urlo di Patroclo o dei tormentoni de”Li pecuri”o “Pallottino dell’onda pirata23, 23.

Senza copioni e battute prestampate Arbore e Boncompagni crearono con l’improvvisazione, il cazzeggio goliardico e i tormentoni un nuovo genere di intrattenimento radiofonico che ancora oggi genera cloni più o meno riusciti.

Ognuno ascoltava Alto Gradimento nel pieno di altre faccende, spesso guidando la macchina o nell’intervallo del pranzo, ma anche sui luoghi di lavoro, ove era permesso, ci si faceva trovare puntuali all’appuntamento, dove non era permesso, si ricorreva all’auricolare.

Io l’ascoltavo tutti i giorni all’uscita della scuola sul pulmino che mi riportava a casa. Gli schiamazzi, gli scherzi all’autista e i pensieri d’adolescente si interrompevano bruscamente quando partiva la sigla, quel Rock around the clock www.arboristeria.it/radio.htm che segnava l’arrivo dei due mattatori con la carovana degli altri improvvisati protagonisti.

Ma Arbore & Boncompagni non dimenticarono di essere anche due disc-jockey, due scopritori di nuove canzoni da far diventare in fretta dei successi.

Ci riuscirono parecchie volte e anche per artisti e discografici, una serie di passaggi nella trasmissione era garanzia di un ingresso in classifica.

Se avete dei minuti liberi, provate a riascoltare questi due pezzi.

http://www.youtube.com/watch?v=c28INueV8x8

http://www.youtube.com/watch?v=PfhM_1yOFrs

www.sergiomancinelli.com

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Viaggio all’interno della musica

next
Articolo Successivo

If loving you is wrong

next