Lettori (e amici) del blog, grazie per i vostri commenti. Avevo promesso  di dare continuità, almeno  giornalistica, alle brutte vicende di Adro ormai così frequenti da poter essere considerate quotidiane; la vostra attenzione dimostra che questa è la strada giusta.

Per quanto riguarda l’apertura del fondo “Pro Adro” proposta dal  sig. Gaetano Giuseppe ritengo sia davvero una bella iniziativa. Tuttavia è indispensabile trovare un collettore che raccolga e destini i fondi secondo le necessità ma in assoluta trasparenza e con la dovuta responsabilità nel rispetto di tutti. Tutto ciò però non può essere compito di un giornale o di un blog. Invito dunque Romana a dare a tutti noi indicazioni dettagliate a chi possiamo rivolgerci per darle una mano.

Ultima doverosa precisazione in risposta al post di Gaetano Giuseppe: queste due  nuove – tristi  – storie non hanno niente a che fare con il gesto di
solidarietà dell’imprenditore che ha versato i  soldi  necessari per coprire le quote mensa delle famiglie morose.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ex presidente della Provincia: “Vogliamo una legge speciale per la ricostruzione”

next
Articolo Successivo

Magistrati, politici, nomine
Gli affari della ‘nuova P2’

next