Siamo un popolo di fessi. Perché senza libertà (di delinquere). A Milano e provincia cercano ragazzi dai 21 ai 33 anni per condurre i tram, disponibilità a turni notturni e festivi, buone referenze e conoscenza dell’inglese. E ovviamente: nessuna condanna penale e nessun procedimento penale aperto. L’azienda rifiuta indagati o rinviati a giudizio per ricettazione e appropriazione indebita. E dunque il senatore Aldo Brancher, imputato per questi due reati nell’inchiesta Antonveneta, sarebbe ‘inidoneo’ a guidare un tram tra corso Sempione e piazzale Lotto. Nei palazzi romani cambiano i criteri di selezione, forse proprio per un brillante processo in corso, il governo ha promosso Brancher ministro a qualcosa (purché non sia il Federalismo, proprietà privata dell’Umberto Bossi). Andiamo fieri dei nostri autisti, meno dei nostri ministri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

VIDEO: 1991, Cuffaro in tv davanti a Falcone
accusa la magistratura

prev
Articolo Successivo

Brancher: “l’Italia perde e se la prendono con me”

next